Guida adempimenti PMI



L'attività di servizi


Particolare attenzione va dedicata al riconoscimento dell'attività esercitata distinguendo se si tratta di servizi o meno.

Per l'individuazione delle attività di servizi si fa riferimento al  Decreto Ministeriale 17 gennaio 1992, dedicato appunto ai criteri per l'individuazione delle attività consistenti nella prestazione di servizi.

Tale decreto individua come attività di servizi quelle riguardanti:

  1. le prestazioni dipendenti da contratti d'opera, appalto, trasporto, mandato, spedizione, agenzia, mediazione, deposito e in genere da obbligazioni di fare, di non fare e di permettere;
  2. le concessioni di beni in locazione, affitto, noleggio e simili;
  3. le cessioni, concessioni, licenze e simili relative ai diritti d'autore, quelle relative ad invenzioni industriali, modelli, disegni, processi, formule e simili e quelle relative a marchi e insegne, e le cessioni, cessioni, licenze e simili relative a diritti o beni similari ai precedenti;
  4. i prestiti di denaro e di titoli non rappresentativi di merci, comprese le operazioni finanziarie mediante la negoziazione, anche a titolo di cessione pro soluto, di crediti, cambiali o assegni;
  5. le somministrazione di alimenti e bevande;
  6. le cessioni di contratti di ogni tipo e oggetto;
  7. le assegnazioni ai soci fatte a qualsiasi titolo da società di ogni tipo e oggetto nonché le assegnazioni e le analoghe operazioni fatte da altri enti privati o pubblici, compresi i consorzi e le associazioni o altre organizzazioni senza personalità giuridica quando hanno per oggetto cessioni, concessioni o licenze di cui ai numeri 2,3 e 6;
  8. le cessioni, concessioni, licenze e simili relative ai diritti d'autore effettuate dagli autori e loro eredi legatari, tranne quelle relative ai disegni e ad altre opere dell'architettura, arte cinematografica e alle opere di ogni genere utilizzate dalle imprese a fini di pubblicità commerciale;
  9. le prestiti obbligazionari o le relative prestazioni di mandato e mediazione;
  10. le cessioni dei contratti che hanno per oggetto cessioni di denaro o crediti in denaro, aziende o rami di azienda (anche conferiti) e terreni non suscettibili di utilizzazione edificatoria;
  11. le prestazioni di mandato e di mediazione relative ai diritti d'autore, tranne i diritti concernenti opere di cui al numero 8, e le prestazioni relative alla protezione dei diritti d'autore di ogni genere, comprese quelle di intermediazione nella riscossione dei proventi;
  12. le prestazioni dei commissionari relative ai passaggi dal committente al commissionario;
  13. le prestazioni rese o ricevute dai mandatari senza rappresentanza.

 

Perché è importante qualificare correttamente l'attività di servizi?

Perché per le imprese esercenti tali attività l'accesso alla contabilità semplificata e alla possibilità di liquidare l'IVA trimestralmente è ammesso fino a un importo di volume d'affari diverso da quello previsto per le imprese esercenti altre attività (produzione, commercio).

Stampato il 15/09/2019 alle 07.30
http://guide.directio.it/guide-interattive/guida-adempimenti-pmi/indice/le-prime-scelte/01-passo-dopo-passo/01_03-attivita-servizi.aspx