Guida alla redazione del Business Plan



Articolare l'azienda: come impostare i centri economici nel Business plan


L’azienda e le sue aree rilevanti: i Centri Economici

Anche in chiave di pianificazione può essere utile leggere i flussi dinamici che la caratterizzano non solo con riferimento all’intera azienda ma anche con riferimento a certe aggregazioni convenzionali nell’ambito della stessa  che possono essere ispirate da:

  • una ripartizione per aree funzionali dell’azienda,
  • una ripartizione per centri economici in senso stretto (di costo, di ricavo,…)
  • una ripartizione per attività trasversali
  • una ripartizione per Unità produttiva

Tale passaggio – non obbligatorio ma utile – consente all’utente di predeterminare dei “filtri” di analisi economica da applicare alla simulazione dinamica dei flussi aziendali. Infatti se caratterizzo i dati economici assegnandoli ai diversi centri , posso analizzare e valorizzare anche i report economici "filtrati" per singolo Centro (ovvero per accorpamenti gerarchici degli stessi).

Per procedere ad inserire i Centri Economici dal menu in alto selzionare Progetto > Centri economici   .

Cliccando sul + della pagina si inseriscono i campi descrittivi e relazionali del nuovo centro che sono:

  1. codice breve di dentificazione
  2. ampo descrittivo del centro
  3. centro economico "Babbo", ossia quello gerarchicamente superiore.

In assenza di interventi dellìutente la procedura crea comunque un Centro di Default "Azienda": l'utente, anche in una seconda fase, potrà creare la sua struttura articolata ed associare alla stessa la manifestazione dei diversi eventi economici.

 

 

Disegnare i Centri Economici dell’azienda equivale ad individuare le aree o le attività economiche (unità produttive, uffici, sedi, aree funzionali) per le quali risulti utile l’analisi dei flussi economici disaggregata.

Stampato il 24/11/2020 alle 15.14
http://guide.directio.it/guide-interattive/guida-business-plan/indice/parte-ii/definire-scenario/centri-economici.aspx