Guida alla redazione del Business Plan


L'inserimento dei dati


PARAGRAFO 1

Lo Stato Patrimoniale iniziale

Lo Stato Patrimoniale iniziale

La partenza per la creazione del Business Plan per le aziende già avviate è l'inserimento dello Stato Patrimoniale Iniziale. Questo prospetto rappresenta la fotografia dell'azienda prima dell'avvio del progetto del Business Plan.

 Attenzione!!  pur rispettando la "continuità dei valori" con il bilancio civilistico, possiamo far proiettare nel piano solo i flussi (finanziari ed economici) che si ritiene abbiano nello stesso effettiva realizzabilità: un ponte quindi tra completezza formale e sostanziale.

Per poter inserire i dati all'interno dello Stato patrimoniale occorre accedere al menu Progetto > Stato patrimoniale iniziale 

Per poter inserire i dati occorre cliccare sul tasto "Dettaglio" in corrispondenza della voce di interesse. 

(Ad esempio) per le immobilizzazioni materiali occorre inserire i seguenti dati:

  • codice identificativo  e descrizione immobilizzazione (riferimento anagrafico libero);
  • il tipo di investimento;
  • costo storico (su cui verranno commisurati ammortamenti)  e importo netto (limite da ammortizzare);
  • percentuale ammortamento e la data di inizio ammortamento;
  • appartenenza al centro economico (se di interesse, altrimenti vale il default).

 


PARAGRAFO 3

Le attività produttive: introduzione

Le attività produttive: introduzione

Questo è il momento di dare forma alla propria idea di attività attraverso la quale realizzare i ricavi, impegnare le risorse, realizzare i margini: ossia, in un concetto, rappresentare concretamente il core business.

Per arrivare a questo momento il redattore del piano ha già affrontato le analisi che hanno filtrato le sue idee, spesso sintetizzate nelle domande:

  • che cosa
  • a chi
  • come

Ma ora la fase di progettazione deve trovare una rappresentazione nei numeri, non imputati in modo statico ma retti da variabili e passaggi che sono stati individuati come qualificanti e significativi.

La piattaforma BP Directio propone l'adozione di 4 modelli che possono, in sintesi, semplificare l'aggregazione delle variabili operative

Occorrerà accedere al menù Attività Produttive per poter procedere al caricamento dei dati e scegliere il modello più appropriato, vale a dire:

  • Produzione in serie;
  • Commercio;
  • Servizi;
  • Commesse

PARAGRAFO 4

Attività produttive: produrre in serie

Come rappresentare nel business plan la produzione in serie

Piano di produzione? Gestione rimanenze? Distinta base? Modelli di prezzo variabile?

Il modello produzione in serie è il modello di attività produttiva che ti aiuta a raccogliere ed inserire tutti i dati necessari per rappresentare il ciclo di produzione.

Per poter iniziare con il caricamento dei dati occorre selezionare il menu Attività Produttive --> Produzione in serie

Il primo passo è il caricamento delle famiglie, occorre cliccare sul tasto Nuovo (+)

Occorre inserire:

  • codice;
  • descrizione della famiglia: cioè l'insieme dei prodotti omogenei;
  • definire l'aliquota dell'imposta;
  • definire la modalità di determinazione del prezzo: markup (cioè la differenza tra il prezzo di vendita e il costo di produzione, solitamente espressa in percentuale del costo da indicare nella piattaforma) oppure prezzo digitato;
  • definire eventualmente il centro economico per l'imputazione dei ricavi e dei costi

Nella pagina è presente un wizard per facilitare l'inserimento dei dati indicando via via lo stato di completamento dell'inserimento. Ad esempio nel nostro caso il wizard (vedi figura sotto) indica che lo step successivo da seguire è l'indicazione della modalità di incasso per la famiglia (ad esempio abbiamo inserito come famiglia Scarpe)

 

Procediamo dunque al caricamento della modalità di incasso cliccando sull'icona "Carica modalità incasso". Occorre cliccare su "Modifica" per inserire l'orizzonte temporale in cui avverrà l'incasso.

Il secondo passo è il caricamento dei "Prodotti". Il caricamento si suddivide in step. Il primo step riguarda la "Scheda Prodotto". In questa scheda bisogna indicare: i dati anagrafici del prodotto, il conto sul quale verranno imputati i ricavi e il prezzo unitario di vendita. Occorre salvare i dati per passare allo step successivo.

Il secondo step riguarda la scheda "Materiali". Occorre inserire i dati anagrafici del prodotto (codice, descrizione prodotto, definizione dell'unità di misura, definire il conto di imputazione dei costi, aliquota IVA) e il costo unitario.  

Inseriti i dati occorre salvare, in questo modo si crea una "distinta base" nella quale bisogna indicare la quantità di merce utilizzata per prodotto. Bisogna cliccare sul tasto "modifica" nella colonna "utilizzo merce"

Il terzo step riguarda il caricamento di eventuali costi diretti sostenuti come ad esempio le spese di trasporto. Occorre cliccare su "Lavorazioni prodotto" e cliccare sul tasto Nuovo, si aprirà la scheda "Dettagli lavorazione"

In questa scheda occorrerà inserire un codice identificativo della spesa sostenuta, la descrizione della spesa sostenuta, il conto all'interno del quale imputare i costi, l'importo unitario del costo sostenuto, l'aliquota IVA. Cliccando sul tasto modalità di pagamento si indicherà l'arco temporale del sostenimento dei costi.

Dopo aver caricato i Prodotti il passaggio successivo riguarda la "Gestione Acquisti"

In questa sezione occorre indicare l'eventuale percentuale di giacenza minima del magazzino (cliccando sul tasto Modifica), le informazioni relative al pagamento (cliccando sul tasto "Carica dati di pagamento"). 

Attenzione! Fondamentale (per la lettura dei Report) indicare la Stagionalità, cioè indicare in percentuale l'andamento dell'attività durante l'anno ( se l'attività è costante in tutti i mesi basterà cliccare sul tasto "andamento costante" e "Ribalta agli anni successivi" in questo modo calcolerà in modo automatico le percentuali la piattaforma).

Nella sezione "Rimanenze inizio progetto" occorre specificare come vengono distribuite e valorizzate le rimanenze caricate nello stato patrimoniale iniziale relativamente alle materie prime e alle rimanenze prodotto. Occorrerà dunque definire la quantità e il costo unitario

 Il passo finale è la gestione delle "Vendite e stock" cioè indicare la quantità venduta e dell'eventuale stock richiesto a magazzino.

Attenzione! come per la gestione acquisti anche in questa sezione è obbligatorio indicare la stagionalità dell'andamento delle vendite

Se il caricamento dei dati è corretto il wizard risulterà come l'immagine sotto riportata


PARAGRAFO 5

Attività produttive: commercio

Come rappresentare nel business plan il commercio

L'attività "commercio" mira a sintetizzare le esigenze ed i flussi dell’attività commerciale, intesa come l’insieme di tutte le attività rivolte allo scambio di beni o servizi, con necessità o meno di essere aggregate o distinte per canali distributivi. Per poter procedere al caricamento dei dati sulla piattaforma BP Directio occorre accedere al menu Attività Produttive e scegliere la voce Commercio.

Il primo step riguarda il caricamento delle Famiglie intesa come insieme di prodotti omogenei per caratteristiche del ciclo finanziario (modalità di incasso dei prodotti), modalità di determinazione del prezzo, riferimento agli stessi Centri Economici.

Occorre inserire:

Il secondo step riguarda il canale distributivo inteso come insieme omogeneo di caratteristiche distributive associate a determinate attività commerciali (ad esempio dettaglio, all’ingrosso, franchising)

In questa sezione bisogna scegliere:

  • il canale distributivo (contract, rete agenti, vendita diretta ecommerce);
  • la modalità di determinazione del prezzo(markup: bisogna inserire la percentuale oppure prezzo digitato: da imputare nei passi successivi di caricamento dei dati).

Scelto il canale distributivo occorre definire la modalità di incasso, cliccando sull'apposito pulsante 

Il terzo step riguarda il caricamento del prodotto inteso come bene (o servizio) distribuito dall’azienda. Occorre inserire i dati anagrafici del prodotto, vale a dire: codice identificativo del prodotto, la descrizione e la scelta del conto all'interno del quale andare ad imputare i ricavi. Salvati questi dati occorre associare il canale distributivo cliccando sull'apposito tasto.

Ora bisogna accedere nuovamente sulla scheda del prodotto ed inserire gli altri dati richiesti. Occorre andare ad imputare il prezzo unitario di vendita (scheda caricamento prezzo digitato per canale distributivo)

Dopo aver salvato questi dati occorre cliccare sulla scheda Merci e inserire i dati richiesti dalla piattaforma:

  • codice identificativo;
  • la descrizione;
  • definire l'unità di misura della merce;
  • scegliere il conto all'interno del quale andare ad imputare i costi;
  • IVA;
  • inserire il prezzo unitario di acquisto sostenuto.

Salvati i dati, si crea una distinta base, dove occorre definire la quantità di utilizzo della merce

 Infine è possibile inserire gli eventuali costi di lavorazione sostenuti cliccando sulla scheda Lavorazioni prodotto. Occorre inserire i seguenti dati:

  • codice identificativo;
  • descrizione lavorazione;
  • conto all'interno del quale imputare i costi sostenuti;
  • importo unitario sostenuto con l'aliquota IVA;
  • definire la modalità di pagamento

Il quarto step riguarda la gestione acquisti: in questo step si definisce (cliccando sull'aposito tasto in direzione dell'anno in oggetto), la dilazione nel tempo del pagamento. Se la modalità di pagamento è uguale per tutti gli anni del progetto occorre cliccare sul tasto "Ribalta pagamenti primo anno".

Attenzione: è obbligatorio definire la stagionalità, cioè è obbligatorio definire l'andamento degli acquisti durante l'anno. Ricordati che se l'attività è costante durante tutti i mesi dell'anno basterà cliccare su "andamento costante" e "ribalta agli anni successivi" in questo modo la piattaforma calcolerà tutto in modo automatico.

 

Per le aziende già avviate cliccando sulla sezione "Rimanenze inizio progetto" è possibile valorizzare le rimanenze di materie prime caricate all'interno dello Stato Patrimoniale Iniziale.

L'ultimo step riguarda la gestione delle Vendite e stock. Qui si definisce la quantità che si prevede di vendere in ogni anno del progetto, l'eventuale giacenza di magazzino che si prevede di mantenere. Anche in questo caso come per la gestione degli acquisti è obbligatorio definire la stagionalità cioè definire l'andamento delle vendite durante tutto l'anno.

L'attività produttiva commercio permette quindi di gestire tutti quei casi incentrati sull'attività di compravendita merci prevedendo la gestione di:

  • canali distributivi con la relativa determinazione del prezzo;
  • gestione dei prodotti con relativo approvvigionamento;
  • gestione delle vendite ed eventuali rimanenze di magazzino.

PARAGRAFO 6

Attività produttive: servizi

Come rappresentare nel business plan l'attività produttiva "servizi"

Il modello servizi può essere utilizzato oltre che da aziende di servizi anche per simulare il Business Plan di aziende inquadrabili in altro modello produttivo. Questa seconda opzione permette di velocizzare il caricamento, sviluppando in seguito un eventuale integrazione nell'area produttiva specifica (produzione in serie - commercio - commesse).

Per procedere al caricamento dei dati occorre selezionare dal menu Attività Produttive -->Servizi

Il primo passaggio è la creazione del contratto e l'inserimento del corrispettivo di vendita. Per l'inserimento dei dati occorre cliccare sul tasto Nuovo (+)

Occorre inserire i dati descrittivi del "Contratto di Vendita":

  • Codice: è un codice identificativo del contratto ( può essere sia numerico che alfanumerico);
  • Descrizione: si riferisce all'attività dalla quale derivano i corrispettivi di vendita (ad esempio Manutenzione)
  • Data inizio - Data fine: si riferisce alla durata del contratto (all'interno del progetto del BP);
  • Conto: si sceglie il conto all'interno del quale verranno imputati i ricavi ( visibili nel Conto Economico)
  • Centro economico: se l'azienda è suddivisa in business unit, si definisce il centro economico all'interno del quale saranno imputati i ricavi di vendita 

Cliccando su "Dettaglio corrispettivi" si andrà ad indicare il corrispettivo di vendita 

Cliccando sul tasto "Modifica" si andrà ad indicare il "Corrispettivo annuale", si definisce il tipo di imposta e l'aliquota. Se il corrispettivo è uguale per tutti gli anni del progetto basterà cliccare sul tasto "Andamento costante" e la piattaforma copierà in modo automatico i dati per tutti gli anni del progetto.

Il tasto "Aumento con l'inflazione" calcolerà in modo automatico gli incassi per gli anni successivi.

Occorre definire anche la modalità dell'incasso andando a specificare l'orizzonte temporale in cui avverrà l'incasso del corrispettivo di vendita. Per definire ciò occorre cliccare sul tasto "Incasso". Successivamente occorre cliccare sul tasto "Nuovo" (+) e vi apparirà la schermata sotto riportata

Cliccando sul tasto "Modifica" si andranno a definire i giorni relativi alla modalità di incasso. Se la modalità di incasso è uguale per tutti gli anni del progetto, cliccando sul tasto " Ribalta incassi primo anno" la piattaforma copierà i dati per tutti gli anni del progetto.

Il secondo passaggio è quello di caricare gli eventuali costi diretti, basta cliccare sul tasto " Materiale e servizio esterno"

Nella prima parte della schermata occorre inserire:

  • codice: è un codice identificativo che può essere numerico oppure alfanumerico;
  • descrizione del costo sostenuto;
  • conto: si definisce il conto all'interno del quale si vuole imputare il costo

Cliccando su "Dettagli importi" occorrerà imputare il costo annuale, l'imposta e l'aliquota. Cliccando sul tasto "Pagamento" occorre definire la modalità con cui avverrà il pagamento (es. 30 giorni)

Come per i ricavi anche per i pagamenti la piattaforma offre la possibilità di copiare gli importi in tutti gli anni del progetto (Andamento costante) e di ribaltare la modalità di pagamento (Ribalta pagamenti primo anno)

Una volta caricati i ricavi e gli eventuali costi diretti è fondamentale definire la "Stagionalità" cioè l'andamento dell'attività durante l'anno. Se l'andamento dell'attività è costante si può sfruttare la funzione del tasto "Andamento costante", in questo modo la piattaforma calcolerà in modo automatico la percentuale da attribuire ad ogni mese. Se la stagionalità è uguale per tutti gli anni del procetto basterà cliccare sul tasto "Ribalta agli anni successivi"


PARAGRAFO 7

Attività produttive: commesse

Come rappresentare nel business plan l'attività produttiva relativa alle commesse

(in fase di completamento)

Questo tipo di modello è indicato per tutte le aziende che sviluppano su commissioni progetti specifici per il cliente. Per procedere al caricamento dei dati sulla piattaforma BP Directio occorre accedere al menu Attività produttive > Commesse.

Il primo step riguarda l'inserimento dei dati della commessa. Come si vede dalla figura sottostante, il caricamento si articola in 3 fasi: dettagli commessa, dettagli corrispettivo, modalità incassi.

Per quanto riguarda la prima fase, vale a dire l'inserimento dei dati della commessa occorre inserire:

  • codice identificativo della commessa;
  • descrizione della commessa;
  • definizione della data di inizio e fine della commessa;
  • scelta del conto dei ricavi.

Nella seconda fase (dettagli corrispettivo) occorre indicare:

  • l'importo del corrispettivo;
  • l'imposta con la corrispettiva aliquota;
  • se si tratta di costo specifico oppure di una quota corrispettivo.

Nella terza fase (Incassi) occorre indicare:

  • se si tratta di acconto o saldo;
  • data;
  • importo

Il secondo step riguarda l'inserimento dei dati delle lavorazioni. Il primo passo consiste in una scheda anagrafica dove bisogna indicare:

  • codice identificativo della lavorazione;
  • descrizione della lavorazione;
  • scelta dell'eventuale centro economico

Cliccando sulla scritta "Dettaglio" si aprirà la schermata (sotto riportata) dove bisogna andare ad indicare le ore di manodopera diretta necessaria per ogni anno del progetto 

Il terzo step riguarda il caricamento dei dati di Materiale e servizio esterno. Una volta definita la commessa e la lavorazione occorre andare ad inserire:

  • codice identificativo;
  • descrizione del materiale/servizio;
  • scegliere il conto all'interno del quale andranno imputati i costi;
  • cliccando su dettaglio importi si inserisce l'importo e si definisce la modalità di pagamento.

 

 

 


PARAGRAFO 8

Investimenti

Gli investimenti

La logica dell'investimento è quella di accrescere il patrimonio aziendale potenziandone il processo produttivo. Il piano degli investimenti deve fornire le caratteristiche tecniche salienti ed indicare lo sviluppo temporale, sia sotto il profilo tecnico sia sotto il profilo finanziario, di ciascun investimento.

La piattaforma DIRECTIO choiede le informaizoni utili ad alimentare tutte le eleaborazioni 8economiche, finanziarie, patrimonaili).

Per poter caricare l'investimento all'interno della piattaforma BP Directio occorre accedere al menu Altri dati operativi> Gestione Investimenti.

Il primo set di dati da caricare riguardano la Descrizione dell'investimento, occorre inserire:

  • codice identificativo dell'investimento;
  • la descrizione dell'investimento;
  • la data dell'investimento;
  • il tipo di investimento

Occorre successivamente inserire i dati economici dell'investimento, vale a dire:

  • il costo;
  • la percentuale di ammortamento;
  • la decorrenza dell'ammortamento nel periodo del BP (utile nel caso in cui l'entrata iun funzione del bene non coincida con la data di acquisto)

Infine le informazioni finanziarie dell'investimento (ovvero, nel caso del conferimento, l'indicazione delle poste del patrimonio netto bilancianti lo stesso).


PARAGRAFO 9

Le risorse umane

Le risorse umane

Vediamo ora come inserire i dipendenti all'interno della piattaforma BP Directio. Per procedere con il caricamento dei dati occorre selezionare il menu Altri dati operativi >Gestione Dipendente.

Il primo passo da seguire è la scelta del contratto di riferimento, in questo modo la procedura calcolerà i risultati tenendo conto delle mensilità e delle ore lavorate. Se non è presente il contratto di riferimento è possibile inserirlo (leggi paragrafo specifico). Una volta scelto il contratto ricordati di cliccare su "Seleziona" in questo modo la procedura aggiorna i dati relativi al profilo selezionato

Selezionato il contratto occorre:

  • inserire gli elementi anagrafici specificando:
    • codice identificativo;
    • descrizione del personale;
    • numero persone;
    • definire la qualifica: dirigenti, quadri, impiegati, operai

 

  • inserire gli elementi economici del rapporto di lavoro: 
    • retribuzione lorda mensile per ogni singolo dipendente;
    • % oneri a carico del dipendente;
    • % oneri a carico del datore di lavoro;
    • % aliquota TFR ( la piattaforma mostra come valore di dafault 7,41. Tale valore è modificabile)

  • inserire i dati per la proiezione dei flussi finanziari:
    • scegliere il mese di erogazione della tredicesima e dell'eventuale quattordicesima;
    • indicare la % delle ritenute fiscali;
    • indicare l'eventuale dilazione di versamento

  • inserire i dati per la rappresentazione del rapporto di lavoro: in questa fase occorre scegliere:
    • il conto retribuzioni: salari e stipendi diretti/indiretti;
    • conto TFR: quota TFR personale diretto/indiretto;
    • conto contributi: contributi previdenz.personale diretto/indiretto;
    • partecipazione a costi: diretta/indiretta


PARAGRAFO 10

Finanziamenti

Finanziamenti

La particolare articolazione di offerta di strumenti finanziari allarga il campo delle scelte dell’azienda alla ricerca di fonti per il sostegno al suo sviluppo. Quando tali decisioni sono in grado autonomamente di provocare impegni pluriennali, potenziali rilevanti oscillazioni sul costo di acquisizione del denaro, esse stesse sono spesso causa di redazione del Business plan.

LA PROCEDURA CALCOLERA', SULLA BASE DEI TUOI INPUT, IL PIANO DI AMMORTAMENTO E NE COLLOCHERA' LE COMPONENTI NEI DIVERSI REPORT INTEGRATI

Per caricare questi dati sulla piattaforma del Business Plan Directio occorre accedere ala menù Altri dati operativi > Finanziamento da terzi. 

I dati che vengono richiesti dalla piattaforma sono i seguenti DATI

  • codice identificativo;
  • descrizione del finanziamento;
  • tipo finanziamento (mutui, prestiti obbligazioni, finanziamento soci);
  • data erogazione finanziamento (compresa tra la data di inizio e fine progetto Business Plan)
  • durata mesi finanziamento;
  • tasso annuale;
  • importo erogato;
  • tipo rata (anticipata o posticipata);
  • periodicità della rata;
  • tipo di indicizzazione;
  • eventuale % di incidenza dell'indicizzazione

La piattaforma inoltre permette di caricare i dati relativi all'eventuale prefinanziamento

 

 


PARAGRAFO 11

Costi operativi indiretti

Costi operativi indiretti: i costi di struttura

Raccolti, organizzati ed elaborati i dati relativi alle attività produttive, occorre analizzare ed organizzare i dati che ci consentiranno di pianificare le altre variabili aziendali a manifestazione economica e finanziarie connesse al piano d’impresa, anche se solo indirettamente riferibili al processo produttivo. 

Con il termine costi operativi indiretti si intendono i costi non variabili al variare dell’attività produttiva, soggetti quindi ad una pianificazione discrezionale da parte del redattore del piano.

Per procedere al caricamento di tali costi sulla piattaforma BP Directio occorre selezionare dal menu Altri dati operativi > Costi di struttura 

Occorre:

  • definire la tipologia del costo ( definendo il conto, descrizione del costo e codice identificativo del costo);
  • importo annuo;
  • la periodicità di manifestazione economica;
  • l'eventuale dilazione da applicare ai pagamenti;
  • definire l'eventuale aliquota IVA da applicare all'importo annuale.

PARAGRAFO 15

Gli assestamenti

Funzione per introdurre singoli movimenti, come in una contabilità preventiva , sia in aprtita doppia che in partita semplice. Funzione per utenti esperti.

Ogni redattore di business plan sa che non tutti i flussi attesi sono frutto di proiezioni aziendalistihe: alcuni derivano dalle scelte del redattore stesso.

Come introdurli nella procedura DIRECTIO?

con gli Assestamenti, tramite i quali è possibile inserire semplici movimenti DARE / AVERE ma su tutte le dimensioni monetarie (economiche finanziarie e patrimoniali!!!)

Per procedere alla creazione delle scritture di assestamento con la piattaforma BP Directio occorre accedere al menu Altri dati operativi > Assestamento  

Come 1° passaggio occorre selezionare il tipo di conto che si andrà a movimentare (conto patrimoniale, conto economico, conto finanziario) sia in Dare sia in Avere.

Selezionato il tipo di conto occorre cliccare su Seleziona

Il 2° passaggio (come illustra l'immagine superiore) occorre:

  • scegliere il conto che viene movimentato sia in dare sia in avere;
  • inserire un codice identificativo della scrittura;
  • la descrizione della scrittura;
  • data;
  • importo della scrittura di assestamento

Stampato il 11/08/2020 alle 09.31
http://guide.directio.it/guide-interattive/guida-business-plan/indice/parte-ii/inserimento-dati.aspx